Innamorarsi del proprio psicoterapeuta: transfert e controtransfert

/, articoli di psicologia/Innamorarsi del proprio psicoterapeuta: transfert e controtransfert
  • psicoanalista transfert e controtransfert

Innamorarsi del proprio psicoterapeuta: transfert e controtransfert

Il transfert era per Freud un forte sentimento, simile all’innamoramento, che veniva provato dai suoi clienti a prescindere dall’età e dal genere, e chiamava controtransfert la reazione emotiva del terapeuta a questo sentimento. Molto spesso mi è stato chiesto come sia possibile gestire l’intimità che si crea tra psicoterapeuta e cliente, ad esempio come non confondere la gentilezza e l’empatia, spesso dimostrata dal primo, con un sentimento che trascende il confine della stanza d’analisi. Molte sono le  email speditemi da clienti di miei colleghi convinti di essere corteggiati dai propri analisti ed in forte imbarazzo su cosa fare. Allo stesso tempo, quando lavoro con psicoterapeuti in formazione, questi riportano alcuni propri vissuti emotivi nei confronti dei propri clienti attivati proprio dal comportamento e dalle parole di quest’ultimi. Da Freud in poi abbiamo capito che l’innamoramento è solo uno dei possibili transfert, o meglio dire è solo una delle possili sovrapposizioni di ruoli tra figure significative della propria vita ed il proprio terapeuta. Quello che accade è che nell’incontro con l’altro, sopratutto quando ci si trova in una situazione “sconosciuta”, si fa ricorso agli schemi relazionali che abbiamo già sperimentato e che ben conosciamo. Questo ci permette di inserire questa nuova e “perturbante” relazione in un contesto apparantemente più semplice da gestire.

Ho provato a dare risposta a questi ed altri quesiti in un breve articolo che prende in considerazione i concetti psicoanalitici di transfert e controtransfert. Potrete trovare l’articolo completo cliccando qui

By | 2016-11-15T10:49:54+00:00 marzo 10th, 2016|articoli, articoli di psicologia|0 Comments

About the Author:

Psicologo, Psicoterapeuta, esperto in psicodiagnosi, gruppoanalista.Co-direttore del Centro Temenos, lavora a Bari. Negli ultimi anni si è occupato della divulgazione scientifica al grande pubblico dei temi della psicologia e della psicoterapia.

Leave A Comment